• Richiedi informazioni

  • 4 febbraio 2019

Commercialisti, notai, avvocati, PMI e Intelligenza Artificiale.

Commercialisti, notai, avvocati, PMI e Intelligenza Artificiale.

1024 683 3rdPlace

di Marco Belmondo, Chief Marketing Officer di 3rdPlace

Sto tornando da Vicenza, dove oggi pomeriggio ho partecipato come relatore all’evento legaltech “Quando i robot apriranno lo studio. Robot e intelligenza artificiale al servizio del libero professionista” magistralmente organizzato da Massimo Casagrande per conto di Unione Triveneta dei Consigli dell’Ordine degli AvvocatiConferenza Permanente fra gli Ordini dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili delle Tre VenezieComitato Interregionale dei Consigli Notarili delle Tre Venezie.

Sul palco era presente – e lo vedete qui sotto – anche FACE (Facial Automaton for Conveying Emotions), il robot umanoide che interagisce socialmente con gli umani, sviluppato dal FaceTeam del prof. Daniele De Rossi.

        

Ho avuto modo, con l’ausilio del documento qui consultabile, di illustrare il caso dello scoring PMI quantamental fatto per Innolva, come esempio di applicazione delle soluzioni Datrix di combinazione di dati tradizionali ed Alternative Data (ossia dati non tradizionali, veramente “big” e spesso non strutturati che provengono dagli ambienti digitali come social, blog, forum, piattaforme di e-commerce, mappe, …). Ribadendo più volte che per noi l’Artificial Intelligence deve essere intesa come Augmented Intelligence, ovvero come intelligenza acceleratrice, non sostitutiva ma a supporto di quella umana.

Ai numerosi professionisti oggi presenti ho sottolineato anche:

  • l’importanza per le PMI (tanto più loro clienti) di posizionarsi e bene sui canali digitali. E questo non significa solo avere un sito e aver fatto una buona attività SEO (se non fatta, fatela subito!), ma tenerlo aggiornato, usando tecnologie recenti, registrando gli uffici aziendali e gli eventuali punti vendita su Google MyBusiness, inserendo il profilo aziendale e dell’imprenditore/manager/azionisti sui social (LinkedIn in primis, a ruota gli altri a seconda dell’attività aziendale), seguendo e rispondendo alle eventuali recensioni dei clienti. Perché tutto questo ha una valenza sempre maggiore per gli investitori e finanziatori, intesi come banche, fondi private equity, piattaforme di lending, … Oggi anche per la partecipazione a gare di appalto risulta spesso necessario dimostrare ad esempio l’aderenza ai criteri ESG e non bastano più i bilanci di sostenibilità (spesso autoreferenziali) e si ricorre a fonti terze indipendenti, come gli Alternative Data, per verificare la veridicità di quanto dichiarato e per fotografare più nitidamente e dettagliatamente la situazione. Naturalmente la necessità di posizionamento vale anche per commercialisti, notai e avvocati!

    

  • il fatto che l’Artificial Intelligence oggi è alla portata non solo delle grandi aziende, ma anche delle piccole e medie imprese. L’importante è che abbiano attitudine digitale, ossia considerino il digitale come driver per la crescita. La motivazione sta nella presenza del cloud (capacità di archiviazione e potenti risorse computazionali altamente scalabili) e nell’accessibilità economica delle soluzioni di machine learning, di deep learning e di NLP. Le grandi piattaforme di e-commerce sono fantastiche per vendere rapidamente, ma non si possono lasciare totalmente a loro i clienti e i relativi dati, perché lì è il valore vero, quello futuro. Altrimenti viene meno la tanto sbandierata, ma ancora poco realizzata, Customer Centricity.
Marco Belmondo

Marco Belmondo

Classe 1969, eporediese di origine, per lavoro già a Milano, Torino, Bologna, Roma e Londra. Esordio in pubblicità (Saatchi & Saatchi, Italia Brand Group), poi finanza in TradingLab (gruppo UniCredit) come Responsabile Comunicazione e Servizio Clienti, segue retail banking in UniCredit Banca e Banca di Roma come Direttore Comunicazione e Servizi Telematici, ritorno alla finanza in ABN AMRO e RBS, poi nel fintech con Epic SIM. Architettura, Fortitudo, cucina molecolare, immobiliare, Juventus, ospitalità, famiglia le sue passioni in rigoroso ordine inverso.

Vuoi sapere di più su come 3rdPLACE trasforma i dati in business? Contattaci subito

Richiedi meeting

Request a meeting

Ci hai conosciuti come 3rdPlace e/o FinScience. Ci fa piacere annunciare oggi la nascita di Datrix, la nuova società che integra ed esalta le abilità, le competenze, le esperienze e le soluzioni delle nostre tech company data-driven già esistenti e permanenti e di altre che presto si aggiungeranno. Ecco qui sopra i nostri nuovi loghi, disegnati per comunicare al meglio il nostro ecosistema e la nostra comune origine e filosofia.
Lavoriamo infatti per essere il punto di riferimento nel mondo della Digital & Fintech Data Disruption attraverso:

  • lo sviluppo diretto di tecnologia, soluzioni e servizi basati sull’Intelligenza Artificiale, laddove questa è intesa non con un ruolo sostitutivo, ma di acceleratore dell’intelligenza umana (AI come Augmented Intelligence),
  • l’acquisizione strategica di realtà già presenti sul mercato, secondo una logica di inclusione, riconoscendo, rispettando, apprezzando e facendo leva sulle differenze in modo da ampliare le nostre prospettive e contribuire a distinguerci.